29 gennaio, 2015

Ti faccio una torta.

La faccio per te.
Ci metto le uova, lo zucchero, sbatto velocissimo, ci metto pochissimo,  col Kitchen Aid è un attimo vero, che scoperta.
Che bella frase, Ti Faccio Una Torta. 
E' quel Ti che fa la differenza.
La faccio per te, solo per te, solo per dirti che ci tengo, che va tutto bene, che è solo per chi ami, per chi hai voglia di vedere, o rivedere, o per chi arriva da lontano, per vedere te.
Ti faccio una torta. Se ci pensi,  ha mille regali al suo interno.
Che non sono l'uvetta o la scorza di limone o la ricotta.
Sono i sorrisi che ci metti mentre la fai.

Ti faccio una torta di pensieri.
Belli, morbidi, di quelli che ti fa bene pensare. Coi pensieri pesanti le torte non si possono fare, bruciano subito nonostante vengano  sorvegliate dal vetro del forno.

Ti faccio una torta di cose belle.
Mescolo le cose belle che ho per te, bei sentimenti, un bel sorriso, magari una risata leggera, di quelle che non ne puoi fare a meno, le risate improvvise cancellano tutto, i magoni, le cose che non capisci e che non ti stanno in testa, i cambiamenti, che orrore le cose che cambiano, lascerei tutto sempre così com'è, fermo e immobile e invece va tutto così veloce e veloce, e mi gira la testa e mi fanno male gli occhi a pensarci, e mi dico che è giusto così, ma come vorrei che tutte le mie cose, quelle cui tengo di più, le più luminose, stessero sempre al loro posto, e il loro posto è vicino a me. E invece, quante cose non ho più.

Ti faccio una torta con le cose che ho, non è molto, ho aperto la dispensa e ci ho trovato una me che a volte nemmeno riconosco davvero, una me che si lamenta e si dà per vinta, e sta ferma invece di girare, e sta immobile invece di camminare, e guarda fuori, invece di fare, che dorme poco e dorme male, e sente rumori che non ci sono e scende a controllare le finestre e il giardino, è così bello questo giardino, come fa a farti paura.

Dopodomani, la torta la farò davvero, ci sarà un sacco di gente, un thè inglese, le mollettine per lo zucchero, le tazze belle, con la Patti e Biancaneve ci studiamo da giorni cosa fare, le tovaglie giuste, facciamo prove di dolci e accostamenti, sarà un bel sabato, per noi.

Nel frattempo, cerco di ritrovarmi, mi perdo mille volte e mille volte mi ritrovo, apro tutti i cassetti, chissà in quale sono, non sarà difficile, tolgo il burro dal frigo e accendo il forno, mi ritrovo subito, mi risollevo subito, se faccio una torta. 



3 commenti:

pinkg ha detto...

In effetti per fare una torta per qualcuno richiede, tra gli ingredienti, quel pizzico di Noi...q.b. per dare emozione al sapore ;-)
Un abbraccio <3 <3 <3

Anonimo ha detto...

Una volta feci una crostata per un'Amica.Lei che, contrariamente a me, è brava con ago e filo , mi ricamò allora un canovaccio con su scritto "l'amore è una crostata".Questo canovaccio è ancora oggi custodito nella casa che più amo al mondo e ogni volta che lo tiro fuori e come se prendessi in caffè..con quell'Amica...
B.

diamanterosa ha detto...

i caffè, gli asciugamani e i muretti restano. Sono le case a non esserci più, pur amandole tanto. E' standone lontano che si cerca di soffrire il meno possibile. E non succede mai.

La Signora della Panchina.

La vedo spesso. Mi è capitato di parlarle, qualche volta, ma non è una che attacca bottone, come si dice. E' sempre così discreta...