26 dicembre, 2018

Del Mondo Nuovo.

La sensazione di avere tutto il mondo chiuso nella mano, chiuso in una stanza, al tavolo di un giorno di festa, la tovaglia bella, le carte dei regali per terra, abbiamo fatto il Secret Santa, che casino di nastri e scatole, Amazon ci ha mandato un cesto di frutta esotica, da tanto comprare.

Le feste di Natale, e le feste in genere, per me, sono quelle in cui apparecchi per 12, poi siamo in 15, che a tortellini e ragù si va avanti per giorni, passano amici a salutare, portano cose e sorrisi, e quadretti coi disegni, e cuoricini ricamati e dolcetti.

I mondo di ognuno si completa, cambia, si rinnova, si pensa che sia lì e invece è da tutt'altra parte. Il mondo si può cambiare, non senza fatica, non senza lividi, ma si cambia e spesso nel mondo nuovo c'è sempre un pò di più.

Il mio mondo non so ancora dove sia, so chi c'è, ma è lo stato in luogo a mancarmi. Di certo in questa casa nuova nuova, coi pavimenti belli, le candele, i cuori alle finestre, Li Hai Messi Per Me?, certo, ho perso tante cose di Natale in questo trasloco, ne ho ritrovate altre, e nessuna che mi sembri vecchia o fuori luogo, le ho messe tutte, dalla scritta NOEL all'albero zen che viene da Spargi e mai come quest'anno mi è sembrato bello e un pò più zen, con le gocce dei lampadari, i nastrini bianchi e poco altro.

Il mio mondo si è scosso, succede poche volte in una vita che si voglia cambiare mondo, io l'ho fatto e non è male. Da tutti i mondi che ho attraversato nella vita, ho portato qualcosa e adesso è qui.

E poi, ci sono le cose nuove, i sentimenti nuovi, le nuove cose, i nuovi discorsi, i progetti lucidi come gli occhi, quando gli occhi sono lucidi, di freddo, di emozione, di Non Andare Via, di non importa cosa.
Il Mondo Nuovo è scommessa azzardata, senza previsione e senza filtro, alla fine di un anno meschino, porta fiori e piccoli cesti di frutta candita, porta colori appena temperati per colorarlo meglio, porta matite preziose per fare disegni di grandi cose.

O anche solo per scrivere, Ti Stavo Aspettando.



Nessun commento:

La Signora della Panchina.

La vedo spesso. Mi è capitato di parlarle, qualche volta, ma non è una che attacca bottone, come si dice. E' sempre così discreta...