Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Le Cartoline.

Nessuno le scrive più, oramai. Se proprio vuol far sapere a qualcuno che lo pensi da un luogo di villeggiatura, meglio una foto del tramonto, o una granita, o un'immagine di te sul materassino. Arrivano subito e senza troppa poesia.
Ma a me, le cartoline piacciono sempre. Mi fermo spesso a guardarle, qualche volta le compro anche, ma non le spedisco. Pensa alla faccia di chi riceve una cartolina, adesso. Eppure, ne ho sempre scritte tantissime, e ricevute, ultimamente, qualcuna, dalla mia amica Renata, per esempio. Le ho conservate tutte.
Da ragazzina, passavo l'intera estate a Varigotti, in Liguria. A una settimana dalla partenza, appena dopo aver finito i compiti delle vacanze, c'era, per mio fratello, mio cugino Maurizio e me, il Momento Cartoline. Una noia mortale. Ci si doveva ricordare del vicino di casa, della maestra, delle zie, della nonna... Ma Cosa Le Scrivo Che La Vedo fra Poco? Scrivi Che ti Diverti. E poi tutti quei codici postali, mio nonno aveva un libriccino con tutt…

Ultimi post

Le Righe di Terza.

La Collezione di Pastelli Viola.

I Saggi consigli del Giardino Abbandonato

L'Irrimediabile Sortilegio del Fiore del Cappero

Di plastica.

Succede solo quando piove.

La Lavastoviglie.

L'Universale Teoria del Sempreverde.

La Nebbia Che C'è.

Ho fatto una torta.