16 gennaio, 2008

Il nodo.

Mandi giù e mandi giù. Inghiotti, a più riprese. Cerchi anche di respirare, dal fondo, di quei sospiri che partono da giù in fondo, dalle scarpe, magari. La tristezza è una cosa che non governi. Come l'amore. Come la morte. E lo sanno tutti, non ci si deve lasciar prendere dalle cose, un amico che và via, un altro, un altro dolore e un altro vuoto, un'altra inspiegabile partenza improvvisa, per dove chissà e passando da dove, poi. Non piango, stavolta. Non piango perchè soffro piano, e in silenzio, non piango perchè non voglio che questo dolore che riguarda solo me, solo noi, mio marito e me, non si abbatta come un macigno sui miei figli e su questa casa, su questa azienda, come la chiamano tutti, su questa colonia, su questo piccolo universo dove ognuno ha un ruolo ben preciso. E io ho il ruolo del sorriso, delle merende e del calore, delle coperte della buonanotte e della serenità. Piangere è un lusso che non si deve e non si può. Non sempre, almeno.Ma è un dolore sordo e che non spiego, una nostalgia struggente, una serie di fotogrammi e diapositive che si sovrappongono e si sciolgono come cera. Che strazio è, che irrimediabile è, che ingiusto è, un uomo che muore. Ti lascia stordito e senza parole di nessun vocabolario e con troppe domande e nessuna risposta, e ti fa sentire in una tempesta, in una barca che non si governa, come la morte. Come l'amore.

5 commenti:

Tiziana ha detto...

Un abbraccio.
Tiziana

Raffa ha detto...

...

Raffa

Anonimo ha detto...

Un bacione grande.
Roberta

thecatisonthetable ha detto...

Il vuoto dell'addio, riempito solo dai ricordi... Li tieni stretti, e li culli, e li coccoli, e li accarezzi. E ti fanno compagnia, e riempiono il vuoto. Ma la tempesta rimane, ed è una fortuna quando hai vicino zattere grandi, zattere d'amore... i tuoi figli ti tengono attaccata all'amore, che è l'unica salvezza... vi abbraccio forte, in un abbraccio che comprende, e condivide...

fux ha detto...

Dolce fragolina.... poi per forza che il tuo caro sposo ci dice se abbiamo scambiato il tuo bel blog per una soap!
Io adesso ti vorrei dare un bel bacio, anche se non capisco cosa sia successo.
Digli di non arrabbiarsi se condividiamo.

Ero venuta a dirti di passare sul mio blog, che c'è un Oscar da ritirare.

Bacioni.
Franci

La Palestra.

Da poco, abito accanto a una palestra. Alla palestra di una scuola. Ho spesso la finestra aperta, non mi arrendo ai temporali alle piog...