Il cestino.


Possiedo un cestino. Non è vero, ne possiedo almeno una decina: per la frutta, per la lana, per il cotone, il cestino del ricamo, quello da pic nic, anzi quelli, che un cestino da pic nic da 8 viene difficile da trasportare. No, un cestino virtuale. Un cestino dove ripongo le cose, non troppo belle in realtà. Ci metto le offese. Le parole dure. Le battute gratuite e le cattiverie. Le malignità e le invidie. Sono tutte lì, come nastrini. Non le butto via. Ogni tanto mi vengono in mente, così, senza un motivo vero, e allora le ritrovo, come quando si cerca in un cassetto una ricevuta e salta fuori una fotografia, ma guarda un pò dov'è finita, credevo di averla persa nei traslochi. Non dimentico. Rimuovo, ma non cancello del tutto. Non so bene la differenza tra erase e delete, e forse nemmeno c'è, ma che m'importa, in fondo. Tengo lì. Non per vendicarmi, non sono mica brava nelle vendette e poi non va bene, non si fa. Le cose che mi hanno fatto male preferisco tenerle sempre ben presenti, invece di eliminarle, è una piccola conquista che mi fa sentire un pò più forte. Una specie di cura omeopatica. Curo col veleno. Che non so se ne ho avuto di più, di veleno o indifferenza. E sinceramente, non so che cosa è meglio. E, ancora più sinceramente, signori cari, non è che la vicenda mi tolga il sonno. Ad ogni buon conto, è tutto lì, nel cestino. Sono nastrini arruffati, attorcigliati, un groviglio di pensieri e situazioni e tristezze e pianti, aggrovigliati fra di loro, ma che si sciolgono subito, appena li sfiori. E allora sono lì, di nuovo, ogni tanto. Solo una cosa, però. Non è che a stare nel cestino facciano meno male. Basta soltanto non aprirlo troppo spesso.

Commenti

Maurice ha detto…
Se non puoi uccidere il tuo nemico, siediti sulla riva del fiume ed aspetta che passi il cadavere.
Naurwain ha detto…
Bando al motto "porgi l'altra guancia e tratta il prossimo tuo come te stesso"... anche io sono così, non dimentico, metto nell'angolo, scrivo su un diario ma non cancello. e quelle pagine spesso fanno male, ma averle lì mi serve a non dimenticare e imparare dagli errori.
Complimenti per il/i blog!
ruben ha detto…
In realtà sarebbe meglio non mettere tutto nello stesso cestino e, ogn tanto, quei cestini con le cose cattive da dimenticare, bruciarli. Evita il rancore, la vendetta, le paranoie... Si sta meglio e forse, chi ti ha fatto del male, peggio, a vedere che non c'è la reazione sperata. Io non ci riesco, ma vorrei...

Post più popolari